Giacche sportive e Blazer

Giacche sportive e Blazer

Cari lettori,

oggi vogliamo raccontarvi di un capo iconico del guardaroba maschile, il Blazer, e di come spesso venga confuso con altri capispalla informali.

Leggiamo continuamente la parola blazer sulle riviste, sui social, nei negozi, ma spesso è utilizzata impropriamente per indicare una qualsiasi giacca che non sia parte di un completo.

Non sono molti in effetti gli stili di giacca ad avere un nome proprio; in questo caso, si dice che il nome sia stato mutuato dalla H.M.S. Blazer, una fregata della royal navy il cui equipaggio per primo vestì una giacca con delle caratteristiche assai peculiari. Piacque tanto ai vertici della marina e alla famiglia reale da diventare l’epitome dello stile nautico.

Nella forma più classica, Il blazer è una giacca blu, tradizionalmente in panno di lana, successivamente declinata in flanelle pettinate o saglie ritorte per la stagione calda; il più rigoroso di tutti è a doppiopetto, con la tipica abbottonatura alta che ricorda le sue origini marinaresche, con tasche tagliate (talvolta guarnite con alette), bottoni dorati incisi e doppi spacchi.

Nel corso degli anni, abbandonato l’impiego riservato ai circoli nautici, è stato reinterpretato dai divi della Hollywood classica e dalle borghesie metropolitane di Londra e New York, entrando nel guardaroba maschile come uno dei capisaldi del look elegante ma informale;  attraverso i decenni è stato alleggerito nel peso, spesso tagliato ad un solo petto e con i bottoni in argento o acciaio, in mohair o perfino in lino o cotone ma senza mai derogare alla tinta unita scura, ai bottoni in metallo, e soprattutto alla vocazione informale ma sempre composta.

E tutte le altre giacche? Derivano in realtà anche loro da un illustre predecessore, la Norfolk Jacket. Vi racconteremo la sua storia e quella delle “odd jackets” nel prossimo articolo!

Articolo Precedente Articolo Successivo